Ah Sunflower – William Blake – Traduzione e Analisi

In questo articolo andremo a tradurre ed analizzare “Ah Sunflower” scritto dal poeta romantico William Blake:

TESTO ORIGINALE

Ah Sun-flower! weary of time,
Who countest the steps of the Sun:
Seeking after that sweet golden clime
Where the travellers journey is done.
Where the Youth pined away with desire,
And the pale Virgin shrouded in snow:
Arise from their graves and aspire,
Where my Sun-flower wishes to go.

TRADUZIONE

Ah Girasole! Stanco del tempo,
Chi segue i passi del Sole:
Alla ricerca del dolce clima dorato
Dove si realizza il viaggio del viaggiatore.

Dove il Giovane consumato dal desiderio,
E la pallida vergine avvolta nella neve:
Si alzano dalle loro tombe e ambiscono,
Dove il mio Girasole vuole andare.

ANALISI

La poesia “Ah Sunflower” ricalca la forma di “My Pretty Rose-Tree” scritto da William Blake e pubblicato nella medesima pagina. Questo poema consiste interamente in una meditazione sul desiderio del girasole di seguire il Sole (in realtà sono rivolti verso Est, esso sorge). Il girasole si protende verso un altro luogo, un “clima dorato” dove il viandante termina il suo viaggio. La seconda strofa reitera e sviluppa il concetto: il luogo bramato dal girasole è anche cercato da un Giovane tormentato e da una Vergine, ognuno dei quali sorge dalla propria tomba ardentemente desiderosi verso questo luogo di pace.

Il girasole probabilmente rappresenta l’uomo con le sue umani aspirazioni: sempre rivolto verso il Sole, ne segue i progressi dalla mattina alla sera. L’aspirazione degli uomini spesso finisce con la morte, simboleggiata dalla notte in molti dei poemi di Blake. Sia il giovane che la vergine hanno desideri irrisolti, e cercano soddisfazione nel tramonto, suggerendo che vi sia speranza nella prossima vita.

Dalla poesia traspare che William Blake sia stanco di vedere le persone che, non volendo veramente il cambiamento in positivo della propria vita, si appoggino ad ascetismi et simili in cerca di conforto (come il girasole, il giovane e la vergine).